Catastale

Piantina catastale – Variazioni catastali con Docfa – Registrazione variazioni planimetriche

Nel caso ci sia l’esigenza di un frazionamento, di una fusione di particelle catastali, di una variazione catastale, il tecnico comunica all’Agenzia del Territorio, delle modifiche effettuate nello stato di un immobile. I dati catastali possono essere modificati tramite la procedura DOCFA che va presentata agli uffici dell’Agenzia del Territorio e/o catasto. La variazione catastale può servire in caso di modifiche della distribuzione interna di un appartamento, ad esempio in caso di ristrutturazione e/o di un ampliamento.

I casi più frequenti in cui bisogna procedere con la variazione sono:

    • Per ottenere la conformità catastale prima di un rogito
    • Modifica della distribuzione di un appartamento dovuta ad una ristrutturazione con spostamento di tramezzi. Ad esempio per la realizzazione di un nuovo bagno,
      l’eliminazione del corridoio, lo spostamento della cucina
    • Frazionamento o fusione di unità immobiliari
    • Cambio di destinazione d’uso
    • Ampliamento per piano casa
    • Creazione di nuove superfici come solai, soppalchi
    • Modifica della toponomastica come indirizzo, nome del proprietario o altri dati presenti, nella visura

Inoltre, la variazione catastale è uno dei principali elaborati utili a richiedere il certificato di agibilità. Viene richiesto dallo sportello unico dell’edilizia prima di poter protocollare la “fine lavori”.

CONTATTI


Progetto Ristrutturare


Lun - Ven 09:00 - 19:00
Sab 09:00 - 13:00

06 948 436 99

info@progettoristrutturare.it